A24fotogrammi, o un racconto di un’eterna indolenza (I’m back!)

Nella foto, Jeff Bridges in "Il Grande Lebowski" (1998 - Coen Bros.)

Nella foto, Jeff Bridges in Il Grande Lebowski (1998 – Fratelli Coen)

Sono trascorsi quasi due anni dal mio ultimo post su A24fotogrammi. 24 lunghi mesi in cui – principalmente per lavoro e anche un po’ per pigrizia, ammettiamolo – ho deciso di accantonare questo progetto che, seppure senza una particolare cadenza, è sempre stato uno sfogatoio necessario, una piccola stanza virtuale dove poter chiacchierare di cinema liberamente. In cui ho deliberatamente deciso di parlare di cinema alla luce dei miei trascorsi personali, percorrere strade più introspettive e meno guidate dallo spirito critico. Un posticino dove confrontarmi con altri appassionati della settima arte, senza dover ostentare una conoscenza cinematografica (per quello esistono i manuali, fortunatamente), ma semplicemente iniziare di nuovo a guardare il cinema con la stessa purezza con cui mi sono innamorata per la prima volta.

Ed eccomi di nuovo qui, come una volta. Con questo post non prometto di certo una maggiore assiduità nella pubblicazione, sia chiaro (sono pur sempre una pigra instancabile come il buon vecchio Jeffrey “Drugo” Lebowski), ma mi sento nuovamente pronta a riprendere in mano questo blog, iniziare di nuovo a dedicarci del tempo e a raccontarvi cosa ho visto, cosa ho voluto rivedere, cosa ho recuperato. In questi due anni di assenza ho visto tanti film, molti dei quali – per varie ragioni – mi sono rimasti dentro. E molti altri ne vedrò nei prossimi tempi, e di cui mi piacerebbe tornare a parlarvi. Con il solito stile discorsivo, ovviamente. Perché lo stile, pensato a suo tempo, non è cambiato e non cambierà. Se ancora una volta avete la pazienza di assecondare questa blogger indolente e sfaticata, potreste non pentirvene. O magari sì, chissene. Non vi prometto analisi raffinate, ma sicuramente uno spazio dove confrontarsi e condividere una passione comune, nel modo più genuino possibile.

E posso già anticiparvi una novità: a breve verrà inaugurato anche un nuovo spazio, che procederà di pari passo con A24fotogrammi. Ha già un nome, un concept, una forma: manca solo la voglia di rendere il tutto visibile e inciccionirlo di tanto materiale. E se avete inquadrato che tipo di blogger sono, non fatevi troppe illusioni: ci vorranno dei mesi.

A24fotogrammi è tornato. Con la sua solita lentezza e con la sua ineguagliabile indolenza, proprio come la sua autrice, ma c’è. E mi sto già arrovellando il Gulliver sul pezzo di re-inaugurazione del blog.

 

Annunci